scarico della condensa

Un impianto di recupero condensa ben progettato è un elemento da non trascurare per ottenere la massima efficienza operativa e di processo e per conseguire un maggior risparmio energetico. Inoltre, gli scaricatori di condensa funzionanti correttamente e monitorati costantemente permettono non solo un’efficace rimozione della condensa dall’impianto, ma anche il suo potenziale reimpiego grazie ai sistemi di recupero condensa: ciò consentirà un’ulteriore risparmio di energia e di costi gestionali…

Normalmente la condensa contiene circa il 25% di energia termica ancora utilizzabile, proveniente dal vapore prima di condensare. Recuperare tale condensa calda, convogliandola al serbatoio di alimento della caldaia, consente di risparmiare una grande quantità di acqua fredda di reintegro e quindi di combustibile per le caldaie.

Riutilizzando l’acqua di condensa recuperata si riducono drasticamente gli additivi chimici necessari per depurare l’acqua di alimento.

La condensa recuperata contiene una bassa percentuale di TDS, e quindi, se reimmessa nel serbatoio di alimento, si riduce la necessità di spurgare l’acqua delle caldaie, con conseguente minor perdita di energia.

In molte nazioni esistono restrizioni legali e ambientali riguardanti lo smaltimento di acque reflue ad elevata temperatura; ciò rende quindi necessario ricorrere ai sistemi di recupero condensa e di raffreddamento degli scarichi, per non incorrere in eccessivi oneri di smaltimento dei liquami e in sanzioni pecuniarie gravose.

I tecnici  Spirax Sarco sono sempre a vostra disposizione per consigliarvi sui migliori metodi per gestire il vostro sistema-vapore e per mantenerlo sempre al massimo delle sue potenzialità di resa e risparmio energetico.

Per ulteriori informazioni: http://www.spiraxsarco.com/global/italy/Pages/home.aspx
o scrivere a marketing@it.spiraxsarco.com

Share

Facci una domanda

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.