Nella prima parte abbiamo presentato i nostri riduttori di pressione e fornito qualche indicazione per installarli in un impianto a vapore. Adesso entriamo più in dettaglio per conoscerli meglio e vediamo come funzionano e quali sono le principali caratteristiche che li differenziano. Cominciamo col prendere in rassegna le valvole di riduzione autoazionate.

Qui a lato sono schematizzati i due diversi tipi di funzionamento delle valvole riduttrici: a soffietto e a diaframma.

Queste valvole sono regolate dalla pressione ridotta a valle (che, tramite il forellino della presa d’impulso incorporata F (valvola a soffietto) o il tubicino di quella esterna G (valvola a diaframma), eventualmente collegata al barilotto di condensazione H (solo per valvola a diaframma), agisce direttamente sull’organo elastico C (diaframmi o soffietto) e, quindi, su otturatore D e sede E, opponendosi alla forza della molla di regolazione B, previamente tarata con l’apposita manopola di regolazione A.

 In condizioni normali di funzionamento (stabilità di pressione a monte e di portata), la forza dei diaframmi/soffietto e quella della molla sono in perfetto equilibrio e la taratura della molla determina la posizione che deve avere l’otturatore per fornire la pressione ridotta desiderata: il fluido di processo entra nella valvola dalla connessione d’ingresso, oltrepassa l’otturatore D (aperto) e la sede E e fuoriesce dalla valvola, espandendosi e riducendo il suo valore di pressione in proporzione all’apertura dell’otturatore ovvero di quanto stabilito dalla taratura della molla.

Un aumento o una diminuzione della portata e/o della pressione a monte provoca, in conseguenza, un innalzamento o una riduzione della pressione a valle che, a sua volta, agisce sui diaframmi/soffietto contro l’azione della molla per sollevare od abbassare l’otturatore e, quindi, chiudere o aprire la valvola, adattando così il flusso alle nuove condizioni per mantenere costante il valore di pressione a valle.

Quando la pressione ridotta supera il valore di taratura, la molla di regolazione B viene compressa dalla spinta dei diaframmi/soffietto C per effetto della maggior pressione, provocando l’avvicinamento dell’otturatore D alla sede E e, quindi, riducendo il flusso e la pressione a valle fino a ristabilire il valore precedentemente impostato.

Se, invece, la pressione ridotta tende a scendere sotto il valore di taratura, la forza della molla di regolazione B prevale su quella dell’organo elastico C, l’otturatore D si apre ulteriormente e il flusso aumenta, ripristinando ancora il valore di pressione voluto a valle.

Quanto più sono ingenti e frequenti le variazioni di portata e/o di pressione a monte, tanto più questi aggiustaggi sono esasperati, per cui è abbastanza normale ed ammissibile ‘qualche lieve scostamento’ nel valore della pressione ridotta durante il funzionamento. I riduttori di pressione autoazionati sono, infatti, considerati più che accettabili in molte applicazioni comuni ove non è richiesta una regolazione estremamente precisa e le portate non sono fortemente variabili.

I vantaggi che essi offrono sono essenzialmente semplicità, compatezza (specialmente per le versioni a soffietto), robustezza, affidabilità e costi iniziali e manutentivi relativamente ridotti.

Le versioni a diaframma sono più ingombranti, poiché la camera dei diaframmi non è integrata al corpo valvola, ma funzionano anche a portate elevate e, grazie all’immediata sostituzione dell’attuatore, consentono di variare agevolmente il campo di regolazione della pressione ridotta.

Riduttori di pressione autoazionati a soffietto BRV, LRV e SRV

I riduttori BRV, progettati per il controllo della pressione di vapore, aria compressa ed altri gas industriali non pericolosi e i riduttori LRV, progettati per l’impiego con acqua ed altri liquidi compatibili, sono perfettamente adatti per carichi leggeri, applicazioni OEM semplici ed ovunque non sia importante una regolazione puntuale definitiva.

Per le loro dimensioni estremamente compatte, sono ideali per installazioni nel punto di utilizzo e forniscono un’accurata regolazione della pressione, in particolare in condizioni di carico stabili ma le versioni per vapore, se dotate di otturatore bilanciato offrono una certa resistenza anche alle fluttuazioni di carico e di pressione.

Le valvole SRV sono costruite completamente in acciaio inossidabile e tutte le parti bagnate a contatto con il fluido sono in AISI316, il che le rende particolarmente idonee all’impiego in molte applicazioni con vapore pulito.

Realizzati con tecnologia avanzata, sono in grado di lavorare in funzionamento continuo e duraturo per soddisfare le esigenze della maggior parte delle applicazioni industriali, rappresentando così una valida alternativa rispetto ad altri tipi di valvole molto più complesse e costose.

Riduttori di pressione autoazionati a diaframma, DRV e serie 595

I riduttori di pressione autoazionati DRV sono totalmente bilanciati adatti ad applicazioni per servizi generali e all’impiego con vapore, aria, gas industriali e liquidi per pressioni d’ingresso fino a 40 bar e temperature fino a 300°C.

Progettati per ridurre la pressione da molto alta a molto bassa, sono ideali per portate elevate e, nei casi in cui i carichi siano relativamente costanti, per regolazioni affidabili e accurate, anche in condizioni d’esercizio molto critiche, come in presenza di vapore umido e/o impuro.

Le valvole auto-regolatrici di pressione modelli 595 hanno anch’esse tutte le caratteristiche necessarie per essere adatte a ricevere direttamente l’impulso di pressione del fluido di processo senza ricorrere ad altri fluidi di servocomando o ad altri dispositivi di regolazione pneumatici.

Disponibili a sede singola o doppia, sono molto apprezzate per la semplicità e robustezza costruttiva, nonché per la facile installazione e manutenzione e vengono impiegate, anche in severe condizioni di esercizio, in molte applicazioni industriali per il controllo della pressione di liquidi, vapore e gas.

Avete bisogno di una consulenza tecnica?                                    
Contattate i nostri esperti
o scriveteci: marketing@it.spiraxsarco.com

Condividi il post:
Share

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.