L’importanza degli impianti di vapore nelle industrie del settore OEM 

0
631

Un’industria di tipo OEM è quella che produce sistemi o componenti che verranno poi utilizzati per la creazione di un prodotto finale da parte di un’altra azienda.

I produttori di computer e calcolatori di vario tipo, per fare un esempio, assemblano e integrano componentistica OEM, quali case, ventole, processori e software che serviranno a creare il prodotto finale.

L’importanza delle OEM riguarda la capacità di far risparmiare tempo e investimenti alle altre imprese che hanno quindi modo di concentrarsi su un’attività specifica, invece di dover sviluppare parti o sistemi terziari.

All’interno delle aziende OEM si sta registrando un uso sempre più specifico del vapore che sta diventando un vettore fondamentale all’interno dei diversi processi produttivi.

Ti potrebbe interessare: “Vapore industriale: vantaggi e impiego dell’energia naturale”

Il vapore nelle industrie OEM

Come abbiamo anticipato, il comparto delle industrie OEM è particolarmente ampio e articolato.

L’uso degli impianti di generazione e distribuzione del vapore riguarda principalmente 4 settori:

  • Food&Beverage
  • Farmaceutico
  • Oil&Gas
  • Chimico

Si tratta di settori dove si stanno moltiplicando richieste di vapore che soddisfino appieno i requisiti in materia di sicurezza e, al contempo, le più diverse esigenze legate ai brand, tenendo conto della redditività così come della salvaguardia della salute delle persone.

La particolare attenzione ai processi di generazione vapore legati alle produzioni alimentari

Proprio per offrire il massimo di tutela ai consumatori finali, è bene ricordare che ci sono aspetti che rivestono un’importanza fondamentale. Ci riferiamo ai materiali e alle tecniche di fabbricazione utilizzati per tutti i componenti dell’impianto di generazione e distribuzione del vapore nel settore degli alimenti e bevande, dal momento che il vettore di calore in molti casi entra a contatto con gli ingredienti o il prodotto finito.

Per questi motivi è bene che le linee di prodotti legati al vapore a uso alimentare siano conformi al regolamento europeo EC1935, oltre alle altre normative internazionali, non ultime quelle che riguardano le valvole alimentari.

Nell’industria di produzione e confezionamento di cibi e bevande, il vapore viene infatti utilizzato in moltissime applicazioni, come ad esempio la pastorizzazione, la cottura, la lievitazione, la birrificazione. Lo stesso deve quindi essere sottoposto ad analisi e test specifici per assicurarne la qualità e l’idoneità per le applicazioni in cui è utilizzato.

In questi casi vanno tenute in seria considerazione le linee guida fornite da HACCP e EHEDG (European Hygienic Engineering & Design Group).

Ti potrebbe interessare: “Come la digitalizzazione 4.0 sta trasformando gli impianti industriali di generazione di vapore

Considerazione sul vapore per gli altri comparti OEM

Nei diversi settori precedentemente indicati, in particolare Alimentare&Bevande, Farmaceutico e Chimico, la qualità e la sicurezza del vapore vanno considerate come prerequisiti HACCP, in particolar modo quando il vapore è utilizzato direttamente per la lavorazione del prodotto. È proprio in questa fase che il vapore viene riconosciuto alla stregua di un vero e proprio ingrediente e come tale deve essere trattato.

L’impiego del “vapore pulito” è da considerare come il miglior sistema per superare il rischio di contaminazione potenziale, grazie a un’alterazione minima delle caratteristiche chimiche, fisiche ed organolettiche del prodotto che si va a realizzare.

Ti potrebbe interessare: “L’importanza di individuare un partner esperto come Spirax Sarco”

Come scegliere i fornitori degli impianti di generazione e distribuzione del vapore nel contesto OEM

Risulta quindi determinante scegliere con estrema cura il fornitore dell’impianto di vapore, un’azienda in grado di fornire soluzioni ingegneristiche di massimo livello tecnologico, in grado cioè di far risparmiare tempo e denaro durante le fasi di progettazione, approvvigionamento e produzione.

I requisiti degli impianti di vapore di ultima generazione:

• Rispondere pienamente ai requisiti normativi globali e locali per il mercato OEM

• Rispondere ai requisiti di certificazione globale

• Fornire componenti per il sistema che ben si adattano al design dell’impianto già esistente

Condividi il post:
Share